…ED E’ SOLO L’INIZIO!

Il 20 febbraio ho intrapreso un percorso che mi accompagnerà fino a febbraio del prossimo anno, ebbene sì, il servizio civile. 
Tutto è partito da un bando…navigando spesso su internet ho colto subito l’occasione di candidarmi, di scegliere accuratamente un progetto che rispecchiasse un po’ la mia persona e il percorso di studio universitario, inviato il bando è iniziata l’attesa, ma senza troppe aspettative, perché si sa…meglio zero aspettative e tante sorprese!
A metà novembre il colloquio, la graduatoria finale, ed infine l’avvio del servizio e con me anche Erica e Ams, i miei due colleghi e compagni di viaggio. 
Il servizio civile è nato con l’obiettivo di difendere la Patria con mezzi ed attività non militari, con la sospensione della leva obbligatoria. La partecipazione  è aperta a giovani tra i 18 e  28 anni di entrambi i sessi e tramite adesione volontaria. 
Sono passati già due mesi dall’inizio, due mesi intensi e ricchi di esperienze, a contatto con tanti ragazzi di tutte le età. Fare servizio civile vuol dire saper collaborare in uno staff, o imparare a farlo con il tempo, insieme ai colleghi, ai responsabili, all’ OLP, dando sempre un contributo, migliorando idee, progetti…insomma, facendosi sentire.
Ammetto che personalmente mi piace tantissimo stare a contatto con i ragazzi e bambini, quindi ogni volta c’è la possibilità di organizzare interventi nelle scuole, sono entusiasta di poter dare il mio contributo e di “mettere sul tavolo” tutto ciò che in questi anni ho imparato dalle mie esperienze. 
Come in tutte le nuove esperienze, mi sto interfacciando a tante realtà diverse, come ad esempio riguardo l’ambito grafico, che pensavo non facesse per me, ma nel corso di questi due mesi, insieme ad Erica,  la mia collega, mi sono ricreduta, perché insieme creiamo locandine, flyer, e gestiamo pagine social su Facebook e Instagram. 
Sono felice di aver intrapreso questa strada, e spero mi dia sbocchi per le mie future esperienze lavorative e non, è un percorso che va vissuto a pieno delle proprie forze, per far tesoro di tutti gli insegnamenti da parte dei nostri responsabili (Elisa, Maria Grazia e Rosanna). 
E’ un’opportunità e come tale deve essere sfruttata, cogliendo sempre l’occasione di mettersi in gioco, per noi che già ci siamo dentro e per tutti voi che state leggendo: cercate, informatevi e vivete nuove realtà che vi arricchiscono e vi rendono migliori.

Grazie dell’attenzione.

Chiara Dimiccoli